home    mail    links    contattaci

EPT    ITINERARI TURISTICI    ARCHEOLOGIA    PARCO DEL GENNARGENTU    GUIDA ALL'OSPITALIT└ 


ARCHEOLOGIA 


PREISTORIA
 
STORIA
 
NURAGHI
 
TOMBE DEI GIGANTI
 
BETILI E PIETRE DEL CULTO
 
DOMUS DE JANAS
 
POZZI SACRI
 
CULTO E DIVINIT└

VILLAGGI NURAGICI
 
MENHIRS



 


A R C H E O L O G I A

il grande museo all'aperto

Culto e DivinitÓ

Gran parte dei monumenti preistorici giunti fino a noi sono strettamente legati alla fede religiosa degli antichi abitatori dell'Isola. Ogni cultura ha lasciato il segno della sua pietÓ nel culto degli antenati e nelle "impronte" di un divino immanente, dove i segni della natura e degli astri dovettero avere un ruolo rilevante. Tutto questo Ŕ certamente riconducibile ad una concezione naturalistica del divino, dove il mistero e il magico regnavano. I principţ della fertilitÓ erano legati al culto agrario, riconducibile ad almeno due divinitÓ: una femminile, nella doppia funzione di partoriente e di nutrice, ed una maschile, fertilizzatrice. La Grande Dea, madre di tutti gli esseri viventi, vegetali, animali e uomini, s'identificava con la Terra, dalla quale tutto originava e alla quale tutto era ricondotto, in un ciclo eterno, dove la morte era origine della vita e non viceversa: un seme deve morire per poter dare vita a molti frutti.

Una pinnetta in pietra con annessi i recinti per il governo degli animali, in localitÓ Monte Manzanu (Macomer)

  

  [top]

    
 

Culto e DivinitÓ

Dolmen di Motorra